UNA PETIZIONE PER LA PACE E LA COLLABORAZIONE INTERNAZIONALE NO ALLE ARMI 500.000 CITTADINI ITALIANI HANNO FIRMATO LA PETIZIONE POPOLARE DEL SUM Che   senso   ha   spendere   migliaia   di   miliardi   per   armi   e   guerre,   quando   ci   sono   milioni   di   bambini   che   muoiono   di   fame,   quando l'inquinamento si propaga inesorabilmente e quando esiste un esplosivo problema profughi da risolvere? Il   primo   passo   verso   la   Pace   e   la   realizzazione   degli   Stati   Uniti   del   Mondo   è   la   Petizione   che   sottoponiamo   a   tutti   i   cittadini,   Petizione che   rappresenta   uno   strumento   qualificante   di   democrazia   diretta,   di   stimolo   istituzionale,   di   sensibilizzazione   di   una   classe   politica distratta,   rissosa   e   spesso      incapace   di   individuare   le   grandi   direttrici   lungo   le   quali   guidare   il   cammino   della   Nazione,   intenta   come   è alle mille beghe di potere, di loggia, di lobbies, ... Tale   Petizione   vuole   stimolare   il   potere   legislativo   ad   occuparsi   con   chiarezza   ed   in   modo   definitivo   del   problema   della   produzione   e del commercio internazionale degli armamenti. Questa Proposta Politica elaborata dall'Associazione SUM è il primo passo verso il vero disarmo. L'Associazione   SUM   ha   promosso   questa   petizione   in   tutta   Italia   negli   anni   ’90   raccogliendo   500.000   firme,   presentate   alla   Camera   dei Deputati da Marzo 1993 all’autunno del ‘96. Oggi sono in corso nel mondo 32 guerre. Il   commercio   di   armi   non   è   mai   stato   così   florido   grazie   a   una   catena,   sempre   più   in   espansione,   di   intermediari,   aziende   di   servizi logistici,   trasportatori.   Un   sistema   che   alimenta   uccisioni,   stupri,   torture   e   massicce   violazioni   dei   diritti   umani   nel   mondo.   Il   risultato: ogni   anno   in   tutto   il   mondo   circa   mezzo   milione   di   persone   sono   vittime   della   violenza   armata.   Il   che   significa   che   una   persona   al     minuto muore a causa del commercio di armamenti. La    denuncia    arriva    da    un    rapporto    di    Amnesty    International    intitolato    “Morte    ad    Orologeria”,    elaborato    dall'istituto    di    ricerche TransArms,   che   evidenzia   come   il   trasporto   delle   armi   sia   diventato   nel   corso   degli   anni   sempre   più   sofisticato   ed   efficiente,   dato   che riesce   a   portare   centinaia   di   tonnellate   di   armi   anche   nei   paesi   in   via   di   sviluppo   e   in   quelli   che,   in   teoria,   sarebbero   sottoposti   ad     embargo.   «Il   ricorso   a   società   di   intermediazione   ha   reso   più   facile   ai   grandi   fornitori   di   armi      raggiungere   i   paesi   in   via   di   sviluppo   scrivono   gli   esperti   di   Amnesty   –   Paesi   che   oggi   assorbono   oltre   i   due   terzi   delle   importazioni   mentre   negli   anni   ´90   ne   assorbivano solo il 50%». Secondo   il   rapporto,   ci   sono   in   circolazione   639   milioni   di   armi   leggere,   8   milioni   vengono   prodotte   ogni   anno,   e   la   spesa   media annuale per l'acquisto di armi nel mondo è di 22 miliardi di dollari. Riteniamo   quindi   oggi   più   che   mai   importante   e   necessario   continuare   a   promuovere   questa   Petizione   per   porre   fine   alle   innumerevoli guerre che incessantemente vengono fomentate in tutto il mondo dai commercianti di armi e da chi lavora per loro e li sostiene. Tale   Petizione   può   essere   portata   avanti,   nella   sua   integrità,   da   qualunque   persona,   associazione   o   movimento   che   creda   in   tale soluzione   e   abbia   la   volontà   e   i   mezzi   per   promuoverla   personalmente   affinché   venga   poi   presentata   al   Parlamento   della   propria Nazione e agli organismi internazionali  per essere trasformata in Legge. LA PETIZIONE
Soluzioni e Progetti
Associazione SUM Stati/Popoli Uniti del Mondo
Associazione S.U.M. - Stati/Popoli Uniti del Mondo - Casella Postale n° 4 - 73024  Maglie  (Le) -Tel. e fax 0836/484851