NO AL COTONE OGM FALLIMENTO DEL COTONE OGM IN INDIA 200.000 SUICIDI FRA I COLTIVATORI DI COTONE OGM I   coltivatori   di   cotone   hanno   subito   pesanti   perdite   economiche   a   causa   del   fallimento delle sementi di cotone OGM. Dalla   relazione   di   Subramanian   Kannaiyan,   attivista   del   Comitato   di   Coordinamento   delle   Associazioni   di   agricoltori dell'India Meridionale, al Convegno “Puglia libera da  OGM”, organizzato dall’Associazione SUM. (Lecce - 2010) Vengo   dallo   Stato   del Tamil   Nadu   (India   meridionale).   L’anno   scorso,   nel   mio   distretto,   sono   falliti   circa   750   acri   di   coltivazioni   di   cotone OGM   della   Monsanto.   Dopo   aver   dato   due   soli   raccolti   di   cotone,   le   foglie   delle   piante   sono   diventate   rosse,   poi   sono   seccate   e   le piante intere sono cadute  al suolo. L'associazione   degli   agricoltori   del   Tamil   Nadu,   di   cui   faccio   parte,   ha   chiesto   al   governo   che   questo   fallimento   fosse   analizzato   dagli esperti.   Alcuni   ricercatori   dell’Università   di   Agraria   e   delle   Istituzioni   di   Ricerca   Scientifica   sono   stati   quindi   incaricati   di   condurre un’inchiesta.   Sapete   cos'hanno   detto?      Che   i   semi   sono   perfetti,   ma   gli   agricoltori   non   sanno   come   coltivarli   e   che   il   suolo   non   è   adatto per      la   coltivazione   del   cotone.   In   realtà   su   questi   terreni   si   coltiva   il   cotone   non   OGM,   con   successo,   da      centinaia   di   anni.   Nello   stesso periodo,   nella   mia   provincia,   circa   40.000   ettari   di   cotone   OGM   non   hanno   dato   raccolti .   Gli   stessi   ricercatori   hanno   analizzato anche   quelle   coltivazioni   nelle   quali   era   stato   usato   lo   stesso   seme   OGM   della   stessa   società,   prodotto   con   la   stessa   tecnologia   Bt della  Monsanto e hanno dichiarato che il cotone non era stato rovinato dai semi OGM, ma dalle piogge ecccessive dei monsoni. Dal   Primo   Ministro   all'ultima   persona   nell'Università,   dicono   tutti   che   questa   tecnologia   è   ottima   e   sta   aiutando   i   coltivatori.   Ma   i coltivatori   di   cotone   nel   mio   paese   si   stanno   suicidando.   Soltanto   negli      ultimi   10   anni   più   di   250.000   coltivatori   si   sono   tolti   la   vita.   Per lo più sono agricoltori che hanno  coltivato il cotone OGM della Monsanto. Il   70   %   del   cotone   coltivato   in   India   è   cotone   OGM.   I   coltivatori   non   hanno   altre   alternative.   I   semi      originari   che   non   sono   OGM   non   si trovano   più,   perciò   i   coltivatori   sono   costretti   a   comprare   i   semi      OGM.   Inoltre   il   prezzo   dei   semi   è   aumentato   moltissimo.   È   veramente costoso   per   gli   agricoltori.   In   sette   anni   la   Monsanto   ha   preso   il   controllo   di   tutte   le   aziende   che   producono   semi   di   cotone.   Fra      queste la   Mahico   che   era   una   società   indiana,   ora   è   stata   acquistata   dalla   Monsanto,   il   nome   è   rimasto   indiano,   ma   la   società   è   straniera (americana). Nelle   nostre   Università   di Agraria   alcuni   ricercatori   sono   stranieri   e   fanno   ricerche   per   la   Monsanto.   Come   è   potuto   accadere   questo   in India?   Dovete   sapere   che   l'Agenzia   di   Aiuto   statunitense   USAID,   dà   quantità   ingenti   di   denaro   alle   nostre   istituzioni   scientifiche   per finanziare   ricerche   sulle   biotecnologie   in   favore   delle   multinazionali.   Inoltre   le   Università   hanno   raccolto   i   semi   dai   coltivatori      per   creare una   banca   del   germoplasma.   In   questo   modo   i   soldi   provenienti   da   US   AID,   dalla   Fondazione   Rockfeller   e   dalla   Fondazione   Ford hanno   aperto   le   porte   delle   nostre   Università      alle      società   Mahico,   Monsanto,   Singenta,   Bayer   ecc.   che   possono   così   avere   accesso   ai semi. La  ricerca nelle Università di Agraria indiane è stata quindi trasformata a favore delle multinazionali.  (…) L’Ente   Alimentare   Indiano   ha   chiesto   il   permesso   di   scaricare   in   mare   grandi   quantità   di   cereali   andati   a   male.   Inoltre   abbiamo esportato   25.000.000   di   tonnellate   di   cereali   in      Europa   e Australia      per   nutrire   gli   animali. Allora   perchè   la   gente   muore   di   fame   mentre nei   nostri   negozi   c'è   abbondanza   di   cereali?   Non   è   a   causa   della   mancanza   di   produzione.   La   produzione   c'è.   Ma   le   persone   non hanno i soldi per comprare il grano. (...) I coltivatori in India si sono opposti agli OGM nelle colture alimentari. Nutrire   il   mondo   dovrebbe   essere   responsabilità   dei   coltivatori   dei   piccoli   e   dimenticati   contadini   del   mondo.   Non   è      responsabilità   della Singenta, Monsanto, Bayer o qualsiasi altra multinazionale. Esse non stanno semplicemente controllando il seme. Controllare il seme significa controllare la vita  dell'umanità. Concludo   citando   il   Mahatma   Gandhi,   Padre   dell’India:   c'è   abbastanza   per   i   bisogni   di   tutti,   ma   non   abbastanza   per   l'avidità   di tutti . Combatteremo l'avidità delle avide compagnie multinazionali. IL COTONE BT VIA LA MONSANTO DALL’INDIA Migliaia   di   contadini   indiani   hanno   protestato   contro   un   Disegno   di   Legge   che   protegge   gli   interessi   della   Monsanto   e contro l’avvelenamento dei loro campi, delle loro coltivazioni, dei loro stessi mezzi di sussistenza,  causato dagli OGM. Nel   tentativo   di   garantire   che   le   multinazionali   produttrici   di   cibo   e   sementi   geneticamente   modificate   mantengano   ancora   una   stretta mortale   sulla   produzione   alimentare   del   paese,   il   Ministero   della   Scienza   e   della   Tecnologia   del   governo   indiano   ha   redatto   il   Disegno di Legge “ Biotechnology  Regulatory Authority of India” (Normative per la Biotecnologia). Il   Disegno   di   legge   "non   rende   obbligatoria   l'etichettatura   dei   prodotti   alimentari   geneticamente      modificati",   ha   detto   Ruma   Ghosh,   un avvocato   di   Calcutta.   "Si   classificano   alcune   informazioni   come   “informazioni   commerciali   riservate”   anche   i   funzionari   devono   prestare giuramento di non  rivelarle." Greenpeace India ha detto che il disegno di legge si può chiamare " Legge per la Protezione e la  Promozione della Monsanto in India. L'8   agosto   scorso,   migliaia   di   agricoltori   e   attivisti   provenienti   da   20   stati   indiani   hanno   dimostrato   a   Nuova   Delhi   contro   questo   disegno di Legge e hanno chiesto la fine degli OGM in India. Agosto   a   Delhi   è   tra   i   mesi   più   caldi   dell'anno,   con   temperature   che   variano   da   40   a   45   gradi   centigradi.   Eppure,   sotto   il   soffocante cielo   d'estate,   le   persone   le   cui   voci   si   levarono   insieme   quel   giorno   sapevano   che   non   combattevano   soltanto   per   i   loro diritti, ma lottavano per il  diritto di tutti gli esseri umani al cibo sano e sicuro. Jaswant   Sainhara,   un   contadino   di   53   anni,   in   piedi   con   il   figlio,   ha   orgogliosamente   sostenuto   un   cartello   che   diceva:   "Via   la   Monsanto dall’India".   Sainhara   ha   detto   di   non   aver   capito   che   cosa   sono      veramente   le   colture   geneticamente   modificate   fino   a   quando   il   figlio   - che   era   stato   educato   attraverso   una   ONG   locale   –   gli   ha   spiegato   come   funzionano   il   cibo   e   i   semi   OGM.   " Per   anni,   ho   visto diminuire   il   rendimento   dei   miei   raccolti.   -   ha   aggiunto   Sainhara   -   Dove   era   il   forte   cotone   resistente   alle   malattie   che   mi era   stato   promesso   dai   venditori   di   semi?   Ho   potuto   vedere   con   i   miei   occhi   il   deterioramento   evidente   della   qualità   del suolo.   Stavo   avvelenando      la   mia   unica   fonte   di   sostentamento   con   le   mie   mani."    Sainhara   sa   che   deve   camminare   per   le strade   della   capitale,   Delhi,   e   che   deve   fare   del   suo   meglio   per   farsi   ascoltare   dagli   indifferenti      funzionari.   "Preferirei   occuparmi   dei miei campi, - ha detto - ma se non cammino adesso, non  mi rimarrà nessun campo da coltivare." Jainuddin   Bagra,   un   contadino   che   è   venuto   dal   lontano   Stato   indiano   del      Maharashtra   per   partecipare   alla   manifestazione   dell’8 agosto,   ha   detto   che   non   si   muoverà   fino   a   quando   non   avrà   la   certezza   che   il   suo   raccolto   non   avvelena   il   paese .   "Nahin Jayenge (non mi muoverò)",  ha detto con fermezza. Un   altro   contadino   di   quarant’anni,   di   nome   Shankar,   che   è   diventato   l’unico   sostegno   per   la   sua      famiglia   dopo   il   suicidio   di   suo   padre, ha   affermato:   "Ho   lavorato   come   lavoratore   dipendente   per      pagare   i   nostri   debiti",   ha   detto.   "Ora   mi   rendo   conto   che   non   si   tratta solo   di   me.   Posso   avvelenare   anche   voi   e   i   vostri   figli   attraverso   ciò   che   coltivo   nel   mio   campo.   Che   cosa   potrà assolvermi dall’aver commesso omicidio? " Che cosa assolverà un governo che è determinato a barattare la salute del suo paese per il  solo profitto? L'India   ha   una   storia   lunga   e   controversa   con   la   Monsanto.   Il   conflitto   risale   all’introduzione   in   India   dei   semi   OGM   di   cotone   Bt   della Monsanto nel 2001, quando ai contadini è stato promesso un raccolto di cotone robusto che sarebbe rimasto resistente ai parassiti. Ma   i   contadini   non   sono   stati   informati   dei   lati   negativi.   Per   cominciare,   le   sementi   OGM   hanno   costi   proibitivi   perchè   le   aziende   come la   Monsanto   fanno   pagare   un   sovrapprezzo   per   compensare   i   costi   di   ricerca.   Ma   i   semi   OGM   sono   stati   propagandati   come   "semi magici"   e   le   tattiche   di   marketing   aggressive   hanno   fatto   in   modo   che   molti   agricoltori   ne   fossero   vittime. Ai   contadini   è      stato   detto   che l'alto   costo   dei   semi   sarebbe   stato   compensato   dall’alta   resa   dei   raccolti   e   dal      risparmio   sui   pesticidi.   Ben   presto   gli   agricoltori   si   sono resi   conto   che   il   cotone   Bt   non   è   affatto   resistente   ai   parassiti   (come   era   stato   promesso)   e   che   il   loro   tradizionale   metodo   di   lotta contro i  parassiti non era più efficace contro i dannosissimi “bollworms” che hanno cominciato ad attaccare i  loro raccolti. Costretti   a   comprare   i   pesticidi   della   Monsanto   a   prezzi   elevati,   gli   agricoltori   indiani   hanno   contratto      debiti   imprevisti   che   si   sono triplicati   quando   i   raccolti   sono   falliti   e   sono   stati   costretti   a   comprare      nuovi   semi   geneticamente   modificati   per   il   nuovo   ciclo   di   semina. Ma anche i loro raccolti successivi  sono falliti con allarmante regolarità. L’introduzione   dei   semi   OGM,   che   è   stata   propagandata   come   una   rivoluzione   per   far   aumentare   la   quantità   di   cibo   in   India,   si   è trasformata   in   un   circolo   vizioso   di   debiti   forzati,   povertà   e   suicidi   di      massa   che   alla   fine   hanno   portato   il   problema   all'attenzione nazionale.   Una   regione   dello   stato   indiano   del   Maharashtra   è   stata   chiamata   "cintura   del   suicidio"   e   il   Ministero      dell'Agricoltura   indiano ha confermato che "più di 1.000 agricoltori si tolgono la vita qui ogni mese." Il   “Centro   per   i   Diritti   Umani   e   la   Giustizia   Globale”   che   fa   parte   della   Facoltà   di   Giurisprudenza      dell’Università   di   New   York,   ha dichiarato   in   un   rapporto   che   "più   di   un   quarto   di   milione   di      contadini   indiani   si   sono   suicidati   negli   ultimi   16   anni,   la   più grande ondata di suicidi  registrati nella storia umana. " Ciònonostante,    il    governo    ha    continuato    a    permettere    ad    aziende    come    la    Monsanto    di    utilizzare    i    campi    del    paese    e l'approvvigionamento alimentare, come un laboratorio gigante per i suoi  pericolosi esperimenti. Nel   2010,   dopo   le   numerose   proteste   di   massa,   il   governo   ha   vietato   la   coltivazione   commerciale      della   melanzana   Bt   -   prima   coltura alimentare   indiana   OGM.      La   melanzana   Bt   è   stata   sviluppata   in   collaborazione   con   la   società   Mahyco   (filiale   indiana   della   Monsanto) e l'Università di Scienze  Agricole a Dharwad e Coimbatore, nel Tamil Nadu. Ma   l’India   non   ha   ancora   superato   il   pericolo   dei   cibi   OGM.   La   Monsanto   ha   condotto   ricerche   e   prove   in   campo   aperto   sulla biosicurezza del suo mais geneticamente modificato che potrebbe essere preso in considerazione per la commercializzazione in India. L'India   non   è   sola   nella   sua   protesta.   La   consapevolezza   globale   dei   pericoli   degli   alimenti   OGM   ha      prodotto   nel   maggio   scorso   una Marcia   contro   la   Monsanto,   alla   quale   hanno   partecipato   2   milioni   di   persone   in   tutto   il   mondo.   La   prossima   azione   globale   è   prevista per il 12 ottobre. FONTE: http://www.nationofchange.org/battling-india-s-monsanto-protection-act-farmers-demand-end-gmos-1377007676
Amrita Bhoomi
Associazione SUM Stati/Popoli Uniti del Mondo
Associazione S.U.M. - Stati/Popoli Uniti del Mondo - Casella Postale n° 4 - 73024  Maglie  (Le) -Tel. e fax 0836/484851
Clicca sulla immagine di anteprima per ampliarla
Una contadina del villaggio Nichampalayam, nello Stato indiano del Tamil Nadu, nel suo campo di cotone OGM. Pianta di cotone OGM Pianta di cotone non OGM I ricercatori incaricati dal Governo conducono un’inchiesta fra i contadini sul fallimento del raccolto del cotone OGM.