SEMI TRANSGENICI E FAME NEL MONDO I semi transgenici non risolvono il problema della fame nel mondo, anzi lo aggravano. Intervista al Prof. M.D. Nanjundaswamy (Il   Prof.   M.D.   Nanjundaswamy   è   stato   Presidente   del   K.R.R.S.   (Organizzazione   dei   contadini   dello   stato   del      Karnataka)   e   della Fondazione Amrita   Bhoomi   fino   al   giorno   della   sua   scomparsa,   il   3   febbraio   2004.   L'attuale   presidente   della   Fondazione Amrita   Bhoomi è sua figlia Chukki Nanjundaswamy.) Le   multinazionali   biotecnologiche   sostengono   che   le   coltivazioni   transgeniche   sono   necessarie   per   risolvere   il   problema   della   fame   nel mondo. Anche   la   FAO   promuove   le   coltivazioni   transgeniche   come   soluzione   per   la   fame   nel   mondo.   Ma   è   ormai   ampiamente   provato che   i   semi   transgenici   aggravano   la   situazione   dei   contadini   poveri   del   cosiddetto   Terzo   Mondo.   In   India   i   semi   transgenici   stanno portando i contadini al fallimento e al suicidio. Su questo argomento abbiamo posto alcune domande al Prof. M.D. Nanjundaswamy. CHE   COSA   RISPONDEREBBE   ALL’AFFERMAZIONE   DELLE   MULTINAZIONALI   BIOTECNOLOGICHE   CHE   GLI   OGM   SONO NECESSARI PER NUTRIRE LA CRESCENTE  POPOLAZIONE MONDIALE? In   realtà   non   c’è   mancanza   di   cibo   nel   mondo   -   c’è   fame,   sì   -   ma   non   c’è   mancanza   di   cibo   nel   mondo,   anche   oggi.   Il   mondo   ha abbastanza   cibo   per   8   miliardi   di   persone,   mentre   in   questo   preciso   momento   ci   sono   6   miliardi   di   persone   nel   mondo   e   c’è   abbastanza cibo   per   altri   2   miliardi   di   persone.   La   fame   c’è,   non   per   mancanza   di   produzione,   ma   per   mancanza   di   distribuzione   e   per   mancanza   di accesso al cibo e accesso alla terra e se questi disordini fossero rettificati, non ci  sarebbe fame su questo Pianeta, anche oggi. Solo   tecnologie   che   non   creano   diseguaglianze   -   perché   la   diseguaglianza   è   la   ragione   della   povertà   e   la   povertà   è   la   ragione   della fame   -   e   solo   le   tecnologie   che   non   creano   diseguaglianze   possono   risolvere   la   fame   nel   mondo.   Ma   il   transgenico   crea   diseguaglianze molto   più   delle   cosiddette   varietà   ad   alta   resa   della   tecnologia   della   prima   rivoluzione   verde   che   ha   creato   diseguaglianze   e,   come   ho detto,   le   tecnologie   che   possono   eliminare   diseguaglianze   e   disparità,   per   esempio   la   riforma   della      terra,   cioè   l’accesso   alla   terra   che viene   fornita   a   tutti   i   piccoli   contadini   in   tutto   il   mondo,   potrebbe   essere   l’inizio.   Ci   sarebbe   sufficiente   sicurezza   alimentare   a   livello familiare, nazionale ed internazionale. Questo   mondo   è   un   mondo   ricco   di   diversità   ed   è   bene   sapere   che   la   maggior   parte   dei   piccoli   contadini   vive   o   in   terre   minacciate   dalla desertificazione   o   in   terre   non   fertili   o   in   terreni   in   pendenza   o   in   zone   collinose;   circa   850   milioni   di   persone   vivono   in   questo   tipo   di terreno.   Questa   tecnologia   che   viene   chiamata   transgenica   è   una   scienza   che   promuove   le   monocolture   che   hanno   dato   prova   di essere   un   fallimento   persino   nella   tecnologia   della   prima   rivoluzione   verde   e   questa   è   la   causa   della   fame   nel   mondo   come   è   stato ammesso    anche    dalla    stessa    FAO.    In    un    mondo    ricco    di    diversità    con    diverse    condizioni    agroclimatiche,    le    monocolture    non funzionano affatto e questa è la  ragione per la riduzione dei raccolti, per il fallimento dei raccolti e la conseguente fame. In   secondo   luogo   la   biotecnologia   è   una   tecnologia   molto   dispendiosa   che   i   piccoli   contadini   non   possono   permettersi.   La   biotecnologia non è una risposta alla fame nel mondo. PERCHE'   SECONDO   LEI,   NONOSTANTE   I   FATTI   DIMOSTRINO   IL   CONTRARIO,   LA   FAO   CONTINUA   A   PROMUOVERE   LA BIOTECNOLOGIA COME SOLUZIONE PER LA FAME NEL  MONDO? Le    istituzioni    internazionali    stanno    diventando    strumenti    delle    multinazionali    che    si    aggiungono    all’Organizzazione    Mondiale    del Commercio   (W.T.O.)   e   stanno   cercando   di   esercitare   la   loro   influenza   politica   sui   governi   dei   paesi   in   via   di   sviluppo   -   la   maggior   parte dei   quali   sono   corrotti   -   usando   le   amministrazioni   corrotte   di   questi   paesi,   inclusa   l’India   dove   queste   varietà   transgeniche   sono entrate   persino   prima   che   il   governo   desse   il   permesso   specifico   di   commercializzarle.   Questo   ha   causato   l’indebitamento   di   molti contadini.    La    ragione    dei    suicidi    dei    contadini    in    India    è    principalmente    l’immissione    clandestina    delle    varietà    transgeniche,    in particolare del cotone Bt. Dei   più   di   100.000   suicidi   di   contadini,   almeno   il   90%   sono   di   contadini   che   coltivano   il   cotone   ed   in   questo   modo   la   FAO   è   stata   la causa diretta dei suicidi dei contadini in India. LEI HA DETTO CHE 100.000 CONTADINI SI SONO SUICIDATI. PUO' SPIEGARCI PERCHE'  L’HANNO FATTO? Come   ho   già   detto,   in   India   le   varietà   transgeniche   di   cotone   sono   state   immesse   nel   mercato   prima   che   il   governo   desse   il      permesso formale,   senza   informare   i   contadini   che   era   cotone   transgenico.   Ai   contadini   è   stato   detto   che   erano   semplici   varietà   ad   alta   resa   e sono   state   vendute   in   tutti   i   tipi   di      condizioni   climatiche.   I   contadini   hanno   semplicemente   creduto   alla   propaganda   del   governo   ed hanno   cercato   di   coltivare   le   piante.   Molto   presto,   i   parassiti   sono   diventati   resistenti   al   pesticida.   In   molti   luoghi,   nonostante   i   contadini abbiano   usato   i   pesticidi   chimici   cinquanta   volte   per   uccidere   i   parassiti,   non   sono   riusciti   a   salvare   il   raccolto.   Quindi   già   il   fatto   di usare   i   pesticidi   cinquanta   volte   è   stato   un   fardello   economico   sufficientemente   pesante   per   loro   e   la   perdita   del   raccolto   è   stato   un fardello   ancora   più   pesante   con   il   risultato   che   i   debiti   sono   aumentati   e,   non   sapendo   come   uscire   dai   debiti,   hanno   trovato   una   facile via   d’uscita   nel   suicidio   e   nella   maggior   parte   dei   casi   di   suicidi,   il   modo   più   facile   per   loro   è   stato   bere   lo   stesso   pesticida   con   il   quale avevano   cercato,   invano,   di   salvare   i   loro   raccolti.   Nella   maggior   parte   dei   casi   si   sono   suicidati   bevendo   i   pesticidi,   in   altri   casi,   molto pochi, i contadini si sono impiccati. QUALE POTREBBE ESSERE SECONDO LEI LA SOLUZIONE ALTERNATIVA PER LA FAME  NEL MONDO? Secondo   me   la   risposta   c’è   già   perché,   come   ho   detto,   più   di   850   milioni   di   contadini   sono   molto,   molto   lontani   dalla   scienza   moderna, dalla   scienza   agricola   moderna   e   nonostante   questo   abbiamo   abbastanza   cibo   per   8   miliardi   di   persone   anche   se   in   questo   momento siamo solo 6 miliardi. Ho dimenticato di menzionare un’altra ragione per il cosiddetto “problema alimentare”. La   maggior   parte   dei   cereali   che   vengono   prodotti   vengono   deviati   come   cibo   per   animali.   Forse   sapete   già   che,   per   produrre   1   kg.   di carne   vengono   usati   14   kg.   di   cereali   e   se   questo   potesse   essere   fermato   ci   sarebbe   un   enorme   surplus   di   cibo   in   questo   mondo, quindi   l’alternativa   c’è   già,   l’alternativa   è   la   pratica   dei   sistemi   tradizionali   di   conoscenze   agricole   da   parte   di   questi   850   milioni   di persone   che   sono   molto,   molto   lontane   dalla   scienza   moderna   e   se   queste   tecnologie   agricole   tradizionali   vengono   fuse   con   le conoscenze   scientifiche   moderne,   secondo   principi   biologici,   il      problema   alimentare   può   essere   risolto   molto   facilmente.   Questo   è   ciò che   dovrebbe   essere   fatto,   ciò   che   dovrebbe   essere   fatto   dai   governanti.   Incoraggiare   il   rafforzamento   dei   sistemi   di   conoscenza tradizionali   che   usano   la   biodiversità   disponibile,   che   usano   le   risorse   locali   disponibili,   migliorandole   secondo   la   scienza   moderna, naturalmente   basata   su   principi   biologici,   è   l’alternativa   e   l’umanità   deve   scegliere   questo   e   non   una   tecnologia   distruttiva   che   è chiaramente non  sostenibile. Ci   sono   stati   molti   casi   in   cui   le   tecnologie   agricole   tradizionali   sono   state   usate   principalmente   nei   paesi   del   Terzo   Mondo.   Vi   darò alcuni   esempi.   Per   esempio   nel   sud   del   Brasile   più   di   200.000      contadini,   adottando   tecnologie   locali,   hanno   effettivamente   raddoppiato il   raccolto   di   mais   e   grano   e      in   modo   simile   in   Guatemala   e   nell’India   Occidentale,   in   Kenia   e   in   Messico   e   molti   altri   paesi   del Sudamerica   come   Cile   e   Colombia,   usando   sistemi   agricoli   tradizionali   hanno   effettivamente      aumentato   la   produzione.   Queste   sono state    le    osservazioni    di    contadini    che    hanno    abbandonato    l’agricoltura    chimica    intensiva    anche    in    India    e    il    movimento    sta effettivamente   crescendo   in   tutto   il   mondo;   questo   movimento   deve   essere   rafforzato.   Per   rafforzare   questo   movimento   in   India abbiamo    iniziato    un    Centro    Internazionale    per    lo    Sviluppo    Sostenibile    chiamato   Amrita    Bhoomi    che,    tradotto,    significa    Pianeta Immortale.   Questo   è   un   programma   per   rendere   il   Pianeta   Immortale   e      questa   è   l’unica   strada   aperta   per   l’umanità   per   vedere   come l’agricoltura e il cibo possono esistere  con la natura senza danneggiarla. Storia degli OGM
Amrita Bhoomi
Associazione SUM Stati/Popoli Uniti del Mondo
Associazione S.U.M. - Stati/Popoli Uniti del Mondo - Casella Postale n° 4 - 73024  Maglie  (Le) -Tel. e fax 0836/484851