SUICIDI NELLE REGIONI RURALI DELL'INDIA Ogm, 250mila suicidi tra gli agricoltori “Il mercato in mano alle multinazionali” di Andrea Bertaglio | 5 novembre 2011 http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/11/05/ogm-250mila-suicidi-tra-gli-agricoltoriil-mercato-in-mano-alle- multinazionali/168751/ Un   nuovo   rapporto,   intitolato   “L’imperatore   Ogm   è   nudo”,   redatto   da   ben   20   organizzazioni   internazionali   e   pubblicato   da   Navdanya International, fotografa con estrema chiarezza le conseguenze degli organismi geneticamente modificati. Tutte negative. Quindici   milioni   di   contadini   sono   ostaggio   degli   Ogm,   e   250.000   agricoltori   –   ridotti   sul   lastrico   –   si   sono   tolti   la   vita   negli   ultimi   anni.   È l’agghiacciante   denuncia   lanciata   dalla   studiosa   ed   attivista   indiana   Vandana   Shiva:   il   70%   del   commercio   globale   di   sementi   è   ormai controllato   da   appena   tre   grandi   multinazionali,   e   gli   organismi   geneticamente   modificati,   che   dovevano   aumentare   le   produzioni   e ridurre   i   pesticidi,   stanno   condizionando   il   sistema   agricolo   mondiale.   Lo   afferma   senza   mezzi   termini   un   nuovo   rapporto,   intitolato “L’imperatore   Ogm   è   nudo”,   redatto   da   ben   20   organizzazioni   internazionali   e   pubblicato   da   Navdanya   International,   associazione   con sede   a   Firenze.   Presentati   sin   dall’inizio   come   potenziale   soluzione   alle   crisi   alimentari   globali,   all’erosione   dei   suoli   e   all’uso   di sostanze   chimiche   in   agricoltura,   oggi   gli   Ogm   coprono   oltre   un   miliardo   e   mezzo   di   ettari   di   terreni   in   29   diverse   nazioni.   Ma   non sembrano aver mantenuto le promesse. Tra   le   delusioni   degli   Ogm,   la   lotta   contro   i   parassiti:   le   nuove   colture   hanno   favorito   la   diffusione   di   specie   nocive   e   ancora   più pericolose.   In   Cina,   dove   il   cotone   Bt   resistente   agli   insetti   è   largamente   diffuso,   i   parassiti   sono   infatti   aumentati   di   12   volte   dal   1997. Non   solo,   una   ricerca   del   2008   dell’International   Journal   of   Biotechnology   ha   rivelato   che   tutti   i   benefici   dovuti   alla   coltivazione   di questo   tipo   di   cotone   erano   stati   annullati   sia   nella   Repubblica   Popolare   che   nella   vicina   India   dal   crescente   uso   di   pesticidi,   necessari in   quantità   sempre   maggiori   proprio   per   combattere   questi   nuovi   “super-parassiti”.   Stessa   sorte   per   i   coltivatori   di   soia   gm   in   Brasile   ed Argentina   che,   dalla   conversione   delle   loro   colture,   hanno   dovuto   raddoppiare   l’uso   di   erbicidi   per   disfarsi   di   super-weeds   capaci   di crescere   anche   di   un   centimetro   al   giorno   (come   l’erba   infestante   pigweed).   E   ciò   senza   neppure   il   vantaggio   di   avere   coltivazioni   più resistenti al sole o alla siccità. Secondo   The   Gmo   Emperor   has   no   clothes.   Global   Citizens   Report   on   the   State   of   GMOs,   gli   Ogm   hanno   solamente   portato   poche multinazionali   ad   un   inquietante   strapotere.   Basti   pensare   che   le   sole   Monsanto,   Dupont   e   Syngenta   controllano   oggi   il   70%   del commercio   globale   di   sementi.   Un   fatto   che   permette   ai   tre   colossi   biotech   di   stabilire   (ed   alzare)   i   prezzi   a   loro   piacimento.   Ma   che proprio   per   questo,   secondo   gli   scienziati,   sta   avendo   conseguenze   devastanti   su   molti   degli   oltre   15   milioni   di   agricoltori   diventati   loro clienti. In   Africa,   Sud   America   e   soprattutto   in   India,   i   suicidi   di   contadini   impossibilitati   a   sostenere   i   costi   sempre   più   elevati   dell’agricoltura intensiva   imposta   dagli   organismi   geneticamente   modificati   sono      arrivati   a   livelli   inaccettabili.   Solo   nel   Paese   asiatico,   ricorda   Vandana Shiva   (che   presiede   Navdanya   International),   negli   ultimi   15   anni   le   persone   che   si   sono   tolte   la   vita   per   questo   motivo   hanno      superato le 250mila unità: quasi una ogni mezz’ora, dal 1996 ad oggi. Oltre   che   gli   effetti   ambientali   e   sociali,   gli   studiosi   temono   conseguenze   sulla   salute,   anche   se   ufficialmente   non   ancora   dimostrate. Non   solo   nei   Paesi   “poveri”,   ma   anche   negli   Usa,   che   15   anni      fa   lanciarono   le   coltivazioni   gm:   oggi   gli   Stati   Uniti   ne   sono   il   primo produttore mondiale, con il 93%  delle coltivazioni di soia, l’80% del cotone, il 62% della colza e il 95% della barbabietola da zucchero. In   Europa   gli   organismi   geneticamente   modificati   non   sono   ancora   penetrati   come   nel   resto   del   mondo,   ma   manca   poco:   “L’Ue   spiega    il    rapporto    –    importa    il    70%    dei    mangimi,    in    massima    parte    soia    e    mais    provenienti    dagli    Stati    Uniti”    e    quasi    sempre geneticamente   modificati.   Di   conseguenza,      anche   dove   non   permessi,   gli   Ogm   “sono   potenzialmente   presenti   nelle   farine   di   mais   e   di soia, che figurano come ingredienti di tantissimi prodotti alimentari”. Un   fatto   che   non   dovrebbe   creare   allarmismi,   per   Mark   Buckingham   della   GM’s   industry’s   Agriculture   and   Biotechnology   Council,   che al   contrario   elogia   gli   enormi   potenziali   benefici   di   queste   tecnologie.   “Dall’India   al   Sudafrica,   milioni   di   contadini   hanno   già   valutato l’impatto   positivo   che   la   tecnologia   degli   Ogm   può   avere   sul   loro   lavoro”,   afferma   il   dottor   Buckingham:   “La   popolazione   mondiale raggiungerà   i   nove   miliardi   entro   il   2050.   Un   significativo   aumento   dei   raccolti   è   quindi   necessario,   soprattutto   nei   Paesi   in   via   di sviluppo”. Il   continuo   progredire   della   ricerca,   inoltre,   secondo   Buckingham   potrà   portare   gli   Ogm   a   fronteggiare   anche   sfide   come   quella   dei cambiamenti   climatici:   “Si   sta   sviluppando   una   tecnologia   per   la   tolleranza   alla   siccità,   che   permetterà   alle   colture   di   affrontare   senza problemi   periodi   di   bassa   umidità   dei   terreni”.   Ogm   come   soluzione   ai   problemi   ambientali?   Per   Vandana   Shiva,   in   realtà   “il   modello degli    Ogm    scoraggia    i    contadini    nel    provare    metodi    di    coltivazione    più    ecologici”,    e    le    corporation    che    lo    promuovono    stanno “distruggendo le alternative” al solo scopo di “perseguire il  profitto”. I SUICIDI DEI CONTADINI INDIANI TESTIMONIANO TUTTA LA VIOLENZA DEL SISTEMA ECONOMICO MONDIALE
Amrita Bhoomi
Associazione SUM Stati/Popoli Uniti del Mondo
Associazione S.U.M. - Stati/Popoli Uniti del Mondo - Casella Postale n° 4 - 73024  Maglie  (Le) -Tel. e fax 0836/484851