CAMBIARE DENTRO LEGGI E RIFORME: PER QUALE CAMBIAMENTO? di Babaji Francesco Īsa Atmananda (Da Notizie SUM N°10 - Anno 2000) Il vero cambiamento è nel cambiare dentro se stessi, il proprio modo di pensare e di agire: questa è l'unica riforma possibile! Solo   se   l'uomo   cambia   dentro,   tutto   fuori   nel   mondo   potrà   cambiare.   In   caso   contrario,   nessun   cambiamento   sarà   possibile   nonostante leggi, referendum e riforme. Anche   i   politici   devono   cambiare   dentro   se   stessi.   Allora   e   solo   allora   tutto   cambierà   veramente.   Tutto   nel   mondo   peggiora   sempre   di più   grazie   all'illusione   di   cambiare,   grazie   all'illusione   delle      riforme.   Esse   sono   servite   e   servono   per   pagare   sempre   più   numerose   e ingenti   tasse   al   Governo   che   spreca   i   nostri   soldi   affinché   i   ricchi   diventino   sempre   più   ricchi   e   i   poveri   sempre   più   poveri.   Infatti   guerre, fame,    inquinamento,    malattie,    ingiustizie,    ingenti    e    numerose    tasse,    problema-    pensioni,    buco    nell'ozono,    effetto    serra,    ecc., aumentano   sempre   di   più   grazie   alle   riforme   politiche:   esse   non   hanno   mai   risolto   e   non   risolvono   veramente   questi   prioritari   problemi. Come   può   l'uomo      fare   o   pensare   di   fare   le   riforme   se   non   riforma   se   stesso?   È   solo   un   grande   inganno   se   non   cambia   il   proprio   modo di   essere   e   di   pensare,   se   non   cambia   dentro.   Senza   il   vero   cambiamento,   quello   interiore,   l'uomo   resta   saldamente   ancorato   a favoritismi   e   clientelismi   ed   è   facilmente   corruttibile   e   al   servizio   di   coloro   che   hanno   grossi   interessi,   soprattutto   economici,   da   salvare come ad esempio:  enti, organizzazioni, Governi e multinazionali che possono offrire grosse cifre di denaro, le arcinote  tangenti. Quale   riforma,   quale   legge   è   possibile   approvare   se   coloro   che   le   propongono   non   cambiano   dentro   se   stessi,   quali   visioni   veramente democratiche, a tutela dell'uomo, potranno mai essere approvate  secondo voi? Non solo non si è capaci di osservare e far osservare leggi e riforme, ma neppure capaci di individuare i veri bisogni del proprio Paese. LE "RAGIONI DI SICUREZZA" CI ESPONGONO AL PERICOLO DI INQUINAMENTO DA  PLUTONIO RADIOATTIVO Uno   degli   infiniti   esempi   che   si   possono   fare:   sono   in   viaggio   dal   21   Luglio   '99   due   navi   britanniche,   la   Pacific   Teal   e   la   Pacific   Pintail, partite   dalla   Gran   Bretagna   e   dalla   Francia.   Destinazione:   il   reattore   civile   di   Fukishima   in   Giappone.   Le   due   navi   trasportano   445 kilogrammi   di   plutonio   radioattivo   che   potrebbe   servire   a   costruire   una   sessantina   di   bombe   atomiche,   oltre   a   sette   tonnellate   di esplosivo   e   1100   tonnellate   di   olio   combustibile.   Ci   sono   in   programma   altri   80   carichi   di   questo   genere   fino   al   2010,   secondo   il contratto   stipulato   tra   le   società   europee   e   il   Giappone.   Cosa   accadrebbe   se   una   di   queste   navi   avesse   un   incidente   lungo   la   rotta   per il   Giappone?   La   tragedia   di   Hiroshima   e   Nagasaki   sarebbe   nulla   a   confronto.   Il   Presidente   dei   Medici   per   la   Responsabilità      Sociale,   il Dott.   Helen   Caldicott   afferma:   "Il   plutonio   è   così   tossico   che   meno   di   un   milionesimo   di   grammo   è   una   dose   cancerogena".   Lo   stesso Dott.   Caldicott   dichiara   che   mezzo   chilo   di   plutonio,   se      distribuito   uniformemente   sul   Pianeta,   potrebbe   indurre   cancro   ai   polmoni   in tutti   gli   abitanti   della Terra.   Queste   due   navi   trasportano   ben   445   Kg.   di   plutonio   e   lo   faranno   80   volte   fino   al   2010,   senza   contare   che,   a bordo,   ci   sono   anche   1100   tonnellate   di   olio   combustibile   e   70   tonnellate   di   esplosivo   che,   in   caso   di   incidente,   potrebbero   innescare una gigantesca esplosione con un fall-out radioattivo in tutta l'atmosfera terrestre. Risultato   finale:   cancro   sicuro   per   tutti   gli   abitanti   della   Terra   ed   estinzione   molto   probabile   dell'intero   genere   umano.   Greenpeace   ha manifestato   contro   questi   traffici   di   morte,   ma   il   Governo   laburista   di   Tony   Blair   ha   notificato   a   Greenpeace   una   strana   ordinanza riesumando   una   vecchia   legge   per   la   protezione   dei   trasporti   nucleari.   In   questo   modo   è   stata   vietata   ai   mezzi   di   Greenpeace   la navigazione   del   canale   della   Manica   e   del   Mar   d'Irlanda   adducendo   la   solita   scusa:   "per   ragioni   di      sicurezza".   Infatti   con   la   scusa   di agire   "per   il   bene   del   popolo"   oppure   "per   la   sicurezza   nazionale"   o   "per   ragioni   di   sicurezza",   i   Governi   non   hanno   potuto   fare   e continuano   a   fare   quello   che   vogliono?      Le   tre   società   nucleari   coinvolte   nella   vicenda,   sono   la   britannica   Bnfl,   la   francese   Cogema   e   la     giapponese   Tepco,   le   quali   hanno   mantenuto   l'assoluto   silenzio   e   segreto   sia   sulla   data   di   partenza   che   sulla   rotta.   Queste   società nucleari   hanno   eluso   la   Dichiarazione   di   Rio   sui   diritti   d'informazione   che   devono   avere   le   Nazioni   che   si   trovano   lungo   le   rotte   dei trasporti   pericolosi.   Il   silenzio   tenuto   su   queste   informazioni   ha   permesso   a   queste   navi   di   passare   alla   "chetichella",   indisturbate,   nelle acque territoriali di tutte le Nazioni coinvolte nel loro percorso. A   cosa   servono   riforme   e   leggi   quando   l'umanità   intera   è   in   costante   pericolo   di   vita,   quando   può   estinguersi   da   un   momento   all'altro grazie a riforme e a leggi che l'uomo usa contro l'uomo stesso? "MISSIONE ARCOBALENO": L'ENNESIMA TRUFFA Ricordate   tutti   gli   aiuti   richiesti   per   il   Kosovo   attraverso   la   "Missione Arcobaleno"?   Questa   iniziativa   è      stata   grandemente   pubblicizzata dalle   più   importanti   emittenti   italiane,   grazie   alle   quali   è   stato   possibile   raccogliere   aiuti   per   un   valore   di   decine   e   decine   di   miliardi.   Beni di   prima   necessità,   che   equivalevano   a   centinaia   di   containers,   rimasero   fermi   per   mesi   tra   l'Italia   e   l'Albania   mentre   altri   containers fermi   a   Valona   furono   depredati   mentre   alcuni   militari   italiani   stavano   a   guardare   senza   intervenire,   come   è   stato   mostrato   nel   video- documento   di   "Panorama".   Inoltre   gran   parte   degli   aiuti   sono   stati   donati   al   Governo   di   Tirana   che   ha   pensato   bene   di   utilizzarli   per rifornire   il   proprio   esercito,   senza   far   arrivare   nulla   ai   profughi,   a   coloro   che   avevano   perso   tutto   durante   questa   lunga   e   tormentata guerra. Su   "Panorama"   del   26   Agosto   '99   si   legge:   "Una   solidarietà   a   12   cifre   quella   che   gli   italiani   hanno   dimostrato   ai   Kosovari:   la   Missione Arcobaleno, fino al 30 luglio '99, ha raccolto 123 miliardi 625  milioni 842 mila e 65 lire. Che fine hanno fatto quei soldi? La   maggior   parte   è   ancora   affidata   al   Professor   Marco   Vitale,   63   anni,   economista   d'impresa   nominato   dalla   presidenza   del   Consiglio commissario   unico   per   il   coordinamento   e   l'utilizzo   dei   fondi   della   Missione   Arcobaleno.   L'incarico,   che   doveva   durare   fino   al   30 Giugno, è stato rinnovato fino  alla fine dell'anno 1999. Finora   111   milioni   (pari   allo   0,09   per   cento   dei   soldi   raccolti)   sono   stati   spesi   per   far   funzionare   il   suo   ufficio".   Che   fine   faranno   i   restanti soldi? La   destinazione   è   molto   dubbia   considerando   che,   in   tema   di   solidarietà,   i   veri   aiuti,   anche   quelli   stanziati   dal   Governo   italiano,   non sono   mai   arrivati   ai   nostri   stessi   connazionali   ossia   ai   terremotati   dell'Irpinia,   del   Belice,   ai   disastrati   del   Friuli,   della   Valtellina,   del Vajont,   nonché   ai   recenti   terremotati      dell'Umbria,   delle   Marche   e   così   via.   Se   non   sono   arrivati   ai   nostri   connazionali   quali   garanzie   si possono avere, secondo voi, affinché gli aiuti arrivino all'estero, a tutti coloro che ne hanno veramente bisogno? Disastri,   terremoti,   inondazioni   e   guerre   non   sono   quindi   sempre   eventi   che   certi   politici   ed   altri   personaggi   ad   essi   legati   sanno abilmente   gestire,   traendo   da   questi   stessi   disastri   vantaggi   economici,   speculando   sulla   vita   dell'uomo?   Nel   video   di   "Panorama"   e   nei vari telegiornali abbiamo  potuto vedere che fine hanno fatto i nostri aiuti. Circa   43   miliardi   della   Missione Arcobaleno   sono   stati   utilizzati   per   finanziare   54   progetti   di      organizzazioni   umanitarie   italiane   chiamate comunemente   O.N.G.   (Organizzazioni   Non      Governative).   Si   tratta   solo   di   un   anticipo   per   iniziative   che   prevedono   una   spesa complessiva   di   oltre   63   miliardi.   Però   questi   aiuti   portati   dalle   O.N.G.   possono   essere   strumentalizzati   dai   Governi   dittatoriali   di   popoli colpiti   da   guerre,   terremoti   e   così   via.   Già   nel   Settembre   1996,   Aung   San   Suu   Kyi,   premio   Nobel   per   la   Pace   nel   1991,   alla   domanda dell'Espresso:   "Pensa   che   l'Occidente   dovrebbe   inviare   aiuti   umanitari   alla   popolazione?"   ha   risposto   così:   "No,   tutto   ciò   che   arriva ingrassa   l'elite   dei   Generali   e   dei   loro   amici.   Nelle   farmacie   private   si   trovano   in   vendita   i   farmaci      inviati   dall'OMS:   venduti   da   quelli   che si   arricchiscono   con   i   cosiddetti   aiuti   umanitari   e   comprati   dai   ricchi.   Le   organizzazioni   internazionali   inviano   denari   che   finiscono   tutti nelle   tasche   dei   Generali.   Persino   le   O.N.G.   vengono   usate   dalla   giunta   come   strumenti   di   potere:   li   lasciano   aiutare   solo   chi      pare   a loro.   L'Occidente   non   deve   mandare   nemmeno   un   soldo".   È   evidente   che   qualsiasi   forma   di   aiuto   che   passi   attraverso   O.N.G.,   enti, Governi,   organizzazioni   umanitarie,   attraverso   gli   intermediari,   non   solo   è   inutile   ma   è   anche   dannosa   perché   serve   ad   arricchire Generali e a consolidare poteri dittatoriali, gli stessi poteri che creano fame e guerre. A COSA SERVONO I CENTRI DI RICERCA SULLE MALATTIE? Gli   aiuti   ai   centri   di   ricerca   per   il   cancro,   leucemia,   sclerosi,   ecc.   sono   anch'essi   un   grande   bluff.   Questi   centri   ricevono   miliardi   in sovvenzioni   quando   nell'arco   di   50   anni   non   sono   nemmeno   riusciti   a   trovare   rimedi   efficaci   non   solo   per   il   cancro,   la   sclerosi,   la leucemia,   ma   neanche   per   banali   malattie   quali   mal   di   testa,   raffreddori,   influenza   ecc.,   senza   incorrere   in   pericolosi   effetti   collaterali   e di   accumuli   di   sostanze   chimiche   tossiche   nell'organismo   che   conducono   all'abbassamento   e   alla   distruzione   delle   difese   immunitarie, al   cancro   e   così   via.   Il   sistema   sanitario   è   quasi   totalmente   corrotto.   Tangenti,   sprechi   di   denaro   pubblico,   igiene   inesistente   nelle corsie e nelle camere di tanti ospedali permettono a virus e batteri di far ammalare anche i neonati. LA BENZINA È PIÙ TOSSICA PRIMA O DOPO LA "RIFORMA"? Riforme   e   leggi   servono   per   approvare   mortali   benzine   sempre   più   cancerogene.   Vediamo   che   cos'è   il   benzene,   una   delle   sostanze cancerogene   contenute   nella   benzina.   "Il   benzene   è   una   sostanza   cancerogena   che   può   provocare   leucemia",   afferma   il   professor Alberto   Costa,   direttore   dell'Istituto   europeo   di   oncologia.   Egli   inoltre   dice   che   la   pericolosità   di   questo   composto   aromatico   dipende dalla   sua   concentrazione   in   sostanze   come   la   benzina   e   dall'esposizione   alla   quale   è   sottoposta   la   gente.   Ma   un   fatto   è   già   assodato: l'organismo umano assorbe circa il 50% del benzene inalato. Per   non   parlare   dell'utilizzo   delle   marmitte   catalitiche   al   platino   che   sono   risultate   anch'esse   cancerogene.   Inoltre   le   particelle   di   platino emesse   dalle   marmitte   catalitiche   si   depositano   soprattutto   in   quei   campi   che   si   trovano   a   ridosso   di   strade   e   autostrade   dove   le mucche,      pascolando,   mangiano   l'erba   inquinata   con   pesticidi   e   con   questo   platino   altamente   cancerogeno   che   poi   ritroviamo   nel   latte e   nei   prodotti   caseari   come   è   stato   già   rilevato   da   analisi   di   laboratorio   effettuate   su   alcune   marche   italiane   di   latte   e   derivati.   E   tutto questo   grazie   alle   riforme,   che   servono   solo   ad   arricchire   certi   governanti,   i   petrolieri,   le   industrie   chimiche   e   i   fabbricanti   di   marmitte catalitiche omologate da certi politici corrotti. Come   può   l'uomo   pensare   di   riformare,   educare,   istruire,   quando   l'uomo   stesso   è   attaccato   a   quegli   stessi   interessi   che   stanno uccidendo, violentando, distruggendo e facendo ammalare tutte le  creature della Terra? Leggi   e   riforme,   se   l'uomo   non   cambia   dentro,   non   sono   forse   un'illusione   creata   da   certi   politici   per      ricevere   voti,   per   continuare   ad illudere, ad ingannare, per continuare a speculare grazie alla scusa delle riforme stesse? Se   l'uomo   è   identico   a   prima   anzi,   peggio   di   prima,   vista   la   situazione   sempre   più   disastrosa   che   vi   è   nel   mondo,   se   l'uomo   non   cambia dentro a cosa servono leggi e nuove leggi? Anche   se   fuori   fosse   tutto   cambiato,   se   tutto   fuori   diventasse   un   Paradiso,   quanti   anni,   mesi,   giorni   od   ore   impiegherebbe   l'uomo   a distruggere   tutto,   a   far   diventare   tutto   un   inferno,   se   non   cambia      dentro?   A   cosa   servono   le   riforme,   se   l'uomo   non   fa   nulla   per cambiare   radicalmente   il   suo   modo   di   essere,   di   agire   e   di   pensare?   È   l'uomo   infatti   che   deve   cambiare.   Se   l'uomo   non   cambia   dentro se   stesso,   se   l'uomo   rimane   uguale   a   prima,   nulla   può   cambiare.   Questa   è   la   triste   realtà.   Ed   è   per   questo   che   leggi   e   riforme   non servono   quasi   a   nulla,   sono   un   grande   inganno,   sono   una   grande      illusione.   L'uomo   deve   cambiare   imparando   a   non   essere   corrotto   e a   non   corrompere,   a   non   ingannare   più   nessuno,   a   rispettare   ed   amare   concretamente   tutto   e   tutti,   senza   condizioni,   senza      voler   nulla in cambio, senza interessi, senza aspettative. QUAL È LA VERA RIFORMA? La vera riforma, l'unica riforma possibile è quella interiore. Senza   la   riforma   interiore   pensate   che   le   riforme   esteriori   o   politiche   servano   a   qualcosa?   Il   "dentro"      è   uguale   al   "fuori"   e   il   "fuori"   è uguale   al   "dentro". Tutto   quello   che   vi   è   "fuori"   nel   mondo   non   è   altro   che   il   riflesso,   la   diretta   conseguenza,   di   quello   che   l'uomo   è   o   ha dentro   se   stesso.   Ma   se   scopriamo   la   nostra   stessa   superficialità,   stoltezza   e   falsità,   allora   tutto   può   veramente   cambiare.      Perché? Perché   avremo   acquisito   una   qualità   diversa   di   amore,   l'Amore   Infinito   ed   Incondizionato   verso   tutte   le   creature. Allora   non   ci   saranno più   guerre,   fame,   miserie,   ingiustizie,   corruzione,      inquinamento,   malattie,   effetto   serra,   buco   nell'ozono   ed   il   Pianeta   tornerà   a   vivere. Se   l'uomo   cambia   dentro,   tutto   rinascerà,   nulla   più   verrà   distrutto,   la   sofferenza   scomparirà   in   tutti   gli   angoli      della   Terra   e   l'Ordine, l'Amore, la Salute e la Gioia regneranno in tutto il mondo. Cosa e come fare per iniziare a cambiare "dentro"? Il libro "La Verità - Le Soluzioni" è stato scritto per rispondere a questa domanda. Per scrivere a Babaji Francesco: Babaji Francesco - c/o Associazione SUM - Casella Postale 4 - 73024 Maglie (Le) e-mail: statiunitidelmondo@tin.it
Soluzioni e Progetti
Associazione SUM Stati/Popoli Uniti del Mondo
Associazione S.U.M. - Stati/Popoli Uniti del Mondo - Casella Postale n° 4 - 73024  Maglie  (Le) -Tel. e fax 0836/484851