I   cibi   modificati   geneticamente   sono   sulle   nostre   tavole   da   parecchi   anni   e   noi   li   mangiamo   senza   saperlo   e   senza   volerlo,   in   quanto   il regolamento   europeo   non   prevede   l’obbligo   di   indicare   nell’etichetta   di   alimenti   e   mangimi   la   presenza   di   OGM,   quando   non   supera   la soglia dello 0,9%. Soia,   mais   e   colza   modificati   geneticamente   sono   sulle   nostre   tavole,   anche   e   soprattutto   sotto   forma   di   derivati:   olio   di   soia,   olio   di mais,   olio   di   colza   (spesso   contenuti   negli   "oli   di   semi"   e   "oli   di   semi      vari"),   amido   di   mais,   sciroppo   di   mais,   destrosio   e   lecitina   di   soia (E322), mono e digliceridi (E471),  maltodestrine, sorbitolo (E420). Possono   quindi   contenere   OGM   tutti   i   prodotti   di   pasticceria,   le   merendine,   il   cioccolato,   i   gelati,   lo   yogurt,   salatini   e   chips   vari,   le margarine, le salse, i cibi precotti o surgelati, ecc…. Non   tutti   sanno   che,   per   le   sue   particolari   caratteristiche,   la   farina   di   soia   è   diventata   un   ingrediente   molto   comune   dell’impasto   per pizza.   Anche   il   lievito   è   quasi   tutto   modificato   geneticamente   per   aumentarne   il   potere   di   lievitazione.   Inoltre   si   utilizzano   enzimi transgenici per la produzione di formaggi, birra e vino. Anche   latte,   caffè,   grano,   riso,   orzo,   segale,   miglio,   fagioli,   piselli,   melone,   anguria,   uva,   mela,   arancia,   banana,   lattuga,   radicchio, pomodoro,   patata,   cipolla,   cavolo   e   canna   da   zucchero   sono   stati   modificati   geneticamente   per   modificare   anche   noi,   per   farci diventare   geneticamente   malati.   E   noi   rischiamo   di   mangiarli   se   verranno   anch’essi,   come   la   soia   e   il   mais,   autorizzati   ad   essere immessi nel mercato  europeo. Nei   laboratori   di   tutto   il   mondo   si   sta   lavorando   alla   creazione   di   500   piante   alimentari   transgeniche   dalle   quali   possono   derivare migliaia di cibi e prodotti modificati geneticamente. Può   essere   interessante   sapere   che   nei   ristoranti   del   Parlamento   Europeo   sono   stati   banditi   gli   alimenti   transgenici.   Nasce   spontanea una   domanda.   Se   i   parlamentari   europei   ritengono   pericolosi   per   la   loro   salute   i   cibi   transgenici   perché   hanno   autorizzato   la   loro entrata   nei   mercati   europei?   Anche   nelle   mense   aziendali   della   Monsanto,   la   più   potente   multinazionale   biotecnologica,   produttrice   di     numerose varietà di piante transgeniche, sono stati banditi gli alimenti OGM. Come mai?
Alimentazione e Salute
Associazione SUM Stati/Popoli Uniti del Mondo
Gli OGM nel piatto
Il   60%   dei   prodotti   alimentari   in   vendita   nei   nostri   negozi   contiene   OGM   (Organismi Geneticamente Modificati).
Associazione S.U.M. - Stati/Popoli Uniti del Mondo - Casella Postale n° 4 - 73024  Maglie  (Le) -Tel. e fax 0836/484851
I cibi OGM sono pericolosi per la salute?
Già   prima   che   i   cibi   transgenici   fossero   immessi   nel   mercato   americano,   esistevano   prove   scientifiche   che   questi   prodotti   sono pericolosi   per   la   salute.   Gli   scienziati   della   FDA   (Agenzia   statale   statunitense   per   il   controllo   di   alimenti   e   farmaci),   negli   anni   ‘90   -   ‘92, hanno   ripetutamente   segnalato   che   la   bioingegneria,   alterando   l’attività   cellulare,   può   condurre   alla   produzione   di   tossine   inaspettate, allergeni   e   sostanze   cancerogene.   I   cibi   modificati   geneticamemente   possono   quindi   provocare      allergie,   cancro,   nuove   malattie   ed   altri effetti sconosciuti e imprevedibili sui nostri organismi. Numerosi   studi   ed   esperimenti   che   provano   la   pericolosità   dei   cibi   OGM   per   la   salute   sono   stati   pubblicati   anche   negli   anni   successivi da ricercatori indipendenti. Nel   1998   il   Prof.   Arpad   Pusztai,   microbiologo,   ex   ricercatore   del   “Rowett   Research   Institute”   (Scozia)   ha   effettuati   test   su   topi   da laboratorio    nutriti    con    patate    transgeniche.    I    risultati    dello    studio    del    Prof.    Pusztai    hanno    evidenziato    depressione    del    sistema immunitario   ed   alterazioni   nello   sviluppo   degli      organi   vitali   dei   topi   nutriti   con   patate   transgeniche.   È   particolarmente   allarmante   la parziale   atrofia   del   fegato   sviluppata   in   appena   dieci   giorni   della   nuova   dieta.   Le   conclusioni   del   ricercatore   vennero   decisamente respinte   dalla   comunità   scientifica   britannica,   gli   esperimenti   furono   interrotti   e   il   responsabile   della   ricerca,   il   Prof.   Pusztai,   fu licenziato. Altri   ricercatori   indipendenti   hanno   denunciato   la   pericolosità   delle   tossine   Bt,   presenti   nelle   piante   modificate   geneticamente   con   il gene   del   Bacillus   thuringiensis,   che   possono   provocare   allergie   e   alterare   il   sistema   immunitario. Alcuni   ricercatori   cubani,   nel   corso   dei loro   esperimenti,   hanno   osservato   che   la   tossina   Bt   produce   nei   topi   una   risposta   immunologica   simile   a   quella   provocata   dalla      tossina del   colera.   Inoltre   il   mais   Bt,   come   molte   altre   piante   transgeniche,   contiene   un   gene   del   virus      del   mosaico   del   cavolfiore   (usato   per attivare   il   gene   estraneo   inserito   nel   DNA   della   pianta)   che   è   altamente   cancerogeno,   come   è   stato   più   volte   denunciato   pubblicamente dalla Dott.ssa Mae Wan  Ho. Il   10   giugno   2005,   il   tribunale   di   Colonia,   in   Germania,   su   richiesta   di   Greenpeace,   ha   ordinato   alla      Monsanto   di   rendere   pubblico   un rapporto   confidenziale   relativo   al   mais   OGM   Mon863,   modificato   con   il   Bacillus   thuringiensis   dal   quale   risulta   che   topi   nutriti   con mangimi   a   base   di   mais   transgenico   hanno      sviluppato   gravissime   anomalie   agli   organi   interni   e   nei   valori   sanguigni,   confermando   così i   risultati   degli   esperimenti   condotti   dal   Prof.   Pusztai.   L'azienda   aveva   cercato   di   tenerlo   nascosto,   ma   il   23      maggio   2005   un   quotidiano inglese,   “The   Independent”,   ha   pubblicato   stralci   del   Rapporto   Monsanto   ed   è   scoppiato   lo   scandalo.   La   Monsanto   ha   definito insignificanti   le   variazioni   nelle   condizioni   di   salute   dei   topi   nutriti   con   mais   OGM,   ma   diversi   scienziati   europei,   che   hanno   potuto visionare   lo   studio,   hanno   espresso   preoccupazione   circa   le   conseguenze   di   questo   mais   OGM   sulla   salute   e   sulla   sicurezza   dei consumatori.   Nonostante   questo,   l'8   agosto   dello   stesso   anno,   la   Commissione   Europea,   approfittando   del   periodo   estivo,   ha   dato   il   via libera   all’importazione   e   alla   vendita   del   mais   OGM   Mon   863   destinato   all'alimentazione   animale.   Nel   2007   il   mais   Mon863   è   stato autorizzato anche  per l’alimentazione umana. I   cibi   OGM   espongono   la   nostra   salute   a   rischi   molto   gravi,   come   dimostra   anche   una   ricerca   condotta   in   Svezia   dagli   oncologi   Lennart Hardell    e    Mikael    Eriksson.    I    risultati    di    questa    ricerca,    pubblicata    sul    Journal    of   American    Cancer    Society,    evidenziano    chiare connessioni   fra   l’erbicida   Roundup,   utilizzato   nella   coltivazione   di   molte   piante   OGM,   ed   una   forma   di   cancro   che   colpisce   le   ghiandole linfatiche, il  linfoma non-Hodgkin’s.