La    soia,    un    prodotto    oggi    molto    ricercato    e    utilizzato    da    un    numero crescente   di   persone   anche   per   le   sue   proprietà   terapeutiche,   se   non   è biologica, può causare gravi danni alla salute. La   soia   é   in   assoluto   il   prodotto   transgenico   più   coltivato   nel   mondo,   (87%   della   soia   coltivata   negli   Stati   Uniti   e   60%   a   livello   globale,   nel 2005) ed è anche il cibo OGM che più facilmente rischiamo di trovarci nel piatto. È   stata   prodotta   nel   1995   negli   USA   dalla   multinazionale   Monsanto   ed   è   stata   la   prima   pianta   Roundup   Ready   cioè   progettata   per tollerare    l’erbicida    "Roundup"    a    base    di    glifosato,    prodotto    dalla    stessa    Monsanto.    La    soia    RR    è    stata    autorizzata    alla commercializzazione su tutto il territorio dell’Unione Europea nel 1996 ed è l'unica varietà di soia OGM in commercio in Europa. Inizialmente   il   DNA   della   soia   è   stato   modificato   con   il   gene   della   noce   del   Brasile,   ma   quando   furono   effettuati   appositi   studi   su   questo tipo   di   soia   (Università   del   Nebraska)   si   scoprì   che   la   capacità   di      scatenare   reazioni   allergiche   era   stata   trasferita   dalle   noci   brasiliane alla   soia   provocando   shock   anafilattico   (reazione   gravissima   che   blocca   il   respiro   e   che   porta   spesso   alla   morte)   nelle   persone   allergiche alle   noci   del   Brasile.   Il   gene   delle   noci   del   Brasile   è   stato   quindi   rimosso   a   causa   di   queste   reazioni,   ma   il   rischio   di   allergie   è   sempre presente   nei   prodotti   OGM   perché   “modificazioni   anche   piccole   nella   struttura   proteica   (DNA)   possono   scatenare   nuove   allergie”.   (Fonte: www.greenpeace.it)      Il   DNA   della   soia   Roundup   Ready   attualmente   coltivata   e   commercializzata   è   modificato   con   parti   del   genoma   di   un virus (il virus del mosaico del cavolfiore), di un batterio (Agrobacterium sp.) e della petunia (Petunia hybrida). La   soia   transgenica   è   stata   dichiarata   sicura   per   l’alimentazione,   sia   negli   Stati   Uniti   che   in   Europa,   sulla   base   dei   risultati   di   analisi fornite   dalla   Monsanto,   la   quale   ha   definito   la   soia   modificata   geneticamente   sostanzialmente   equivalente   alla   soia   non   OGM.   In   realtà   la composizione   chimica   della   soia   OGM   è   ovviamente   diversa   da   quella   delle   varietà   non-OGM   perché,   altrimenti,   la   linea   transgenica   non sarebbe   resistente   all'erbicida   e   non   potrebbe   essere   brevettabile.   È   abbastanza   semplice   distinguere   in   laboratorio   le   caratteristiche biochimiche   che   rendono   la   soia   OGM   diversa   dalla   soia   tradizionale,   ma   essa   è   stata   dichiarata   sostanzialmente   equivalente   alla   soia non-OGM   per   semplificare   la   procedura   di   autorizzazione.   Inoltre   alcuni   scienziati   indipendenti   hanno   scoperto   che   la      Monsanto   ha effettuato   le   analisi   su   soia   OGM   non   trattata   con   l’erbicida   Roundup,   mentre   i   consumatori   mangiano   soia   coltivata   in   campi   irrorati   con questo   erbicida   altamente   tossico.   Questa   notizia   è   stata   pubblicata   il   24   Maggio   ’99   sul   quotidiano   inglese   The   Guardian.   Neanche   la Food   and      Drug   Administration   (FDA),   organismo   di   controllo   dei   prodotti   alimentari   e   farmaceutici   negli   USA,   ha   provveduto   ad effettuare   i   test   sulla   soia   transgenica   trattata   con   il   Roundup   senza   i   quali   non   poteva      avere   gli   elementi   per   dichiarare   sicuro   questo prodotto.   Nessuna   delle   autorità   preposte   ai   controlli   negli   USA   ha   analizzato   e   valutato   gli   effetti   della   soia   transgenica   trattata   con   il Roundup   sulla   salute   degli   animali   e   degli   esseri   umani   prima   di   metterla   in   vendita.   Un   esempio   di   quanto   le   “autorità   di      controllo” proteggano la salute dei cittadini. Già   nel   1988   una   ricerca   condotta   in   Germania   dai   ricercatori   Sandermann   e   Wellman   aveva   evidenziato   che   il   Roundup   può   scatenare notevoli    mutamenti    chimici    nella    soia,    in    particolare    esso    fa    aumentare    i    livelli    dei    fitoestrogeni    che,    quando    vengono    introdotti nell'organismo   dei   mammiferi   attraverso   il   cibo,   agiscono   come   ormoni   causando   gravi   squilibri   ormonali.   (Fonte:   Biosafety,   p.   285-      292, edito dal Ministero della Ricerca e della Tecnologia della Germania nel 1988). Oltre   ai   rischi   per   la   salute   comuni   a   tutti   i   cibi   OGM   e   a   tutte   le   piante   trattate   con   l’erbicida   Roundup,   la   soia   OGM   può   quindi   causare anche disturbi all’apparato riproduttivo. Per   questo   motivo   il   13   Ottobre   '97   il   Gruppo   di   lavoro   sulla   Biosicurezza   dell'Assemblea   delle   Nazioni   Unite   sulla   Biodiversità,   composto da   sette   scienziati,   ha   lanciato   attraverso   un   comuni   comunicato   stampa   un   "Appello   urgente   a   tutti   i   governi   di   revocare   l'autorizzazione alla   commercializzazione   della   soia   RR   della   Monsanto".   Nessun   governo   ha   ascoltato   questo   appello   e   la   soia   OGM   ha   continuato   a diffondersi in tutto il mondo. Altre   prove   scientifiche   sulla   pericolosità   della   soia   OGM   sono   state   fornite   nel   2005   dalla   scienziata   russa   Irina   Ermakova   che, studiando   gli   effetti   dell’alimentazione   contenente   soia   OGM   nei   topi,   si   è   concentrata   sui   discendenti   degli   animali   nutriti   con   soia   OGM, un   punto   trascurato   dalla   maggioranza   delle   ricerche   sugli   OGM,   ed   ha   riscontrato   che   moltissimi   cuccioli   sono   morti   oppure   sono cresciuti   poco.   Inoltre   i   cuccioli,   figli   di   madri   nutrite   con   OGM,   una   volta   diventati   adulti,   non   sono   assolutamente   riusciti   a   riprodursi. Questo   si   è   verificato   sia   nel   gruppo   che   ha   continuato   a   mangiare   la   soia   OGM   ininterrottamente,   sia   in   quello   che   ha   smesso   di mangiarla   prima   dell’accoppiamento.   I   topi   femmina   nutriti   con   soia   OGM   hanno   potuto   avere   nipoti   solo   attraverso   le   figlie   femmine accoppiate   con   maschi   provenienti   dal   gruppo   di   controllo   nutrito   con   mangime   convenzionale   di   laboratorio,   non   OGM.   (Fonte: www.greenplanet.net). Ma   c’è   un'altra   notizia   molto   preoccupante   che   riguarda   la   soia   OGM.   Nel   luglio   2001   le   equipe   di   ricercatori   di   tre   Università   e   istituti scientifici,   nell'ambito   di   un   programma      finanziato   dal   governo   belga,   hanno   trovato   “DNA   di   origine   sconosciuta”   in   campioni   di   soia   RR. Questo   significa   che   il   genoma   della   soia   analizzata   era   differente   da   quello   descritto   e   brevettato   dalla   Monsanto   e   autorizzato   alla commercializzazione   nel   1996.   La   Monsanto   era   già   al   corrente   di   questo   e   i   suoi   responsabili   l’avevano   comunicato   all'autorità   di controllo   britannica ACNFP.   Sono   state   fatte   diverse   ipotesi   per   spiegare   la   presenza   di   nuove   e   impreviste   sequenze   geniche   nella   soia RR,      fra   queste   anche   la   possibilità   che   la   soia   transgenica   abbia   iniziato   a   mutare.   E’   un’ipotesi   molto   probabile   in   quanto   molti scienziati   e   ricercatori   indipendenti   hanno   da   tempo   denunciato   che   la   manipolazione   genetica   può   portare   a   conseguenze   inaspettate   e imprevedibili.   A   causa   della   complessità   degli   organismi   viventi,   ogni   modifica   del   DNA   di   un   organismo   può   avere   effetti   a   catena, impossibili   da   prevedere   e   da   controllare.   Essi   possono   mettere   a   rischio   sia   la   salute   di   chi   mangia   cibi   OGM,   sia   gli   equilibri dell'ecosistema in cui gli OGM vengono immessi.
Alimentazione e Salute
Associazione SUM Stati/Popoli Uniti del Mondo
La soia transgenica
Associazione S.U.M. - Stati/Popoli Uniti del Mondo - Casella Postale n° 4 - 73024  Maglie  (Le) -Tel. e fax 0836/484851