PETIZIONE POPOLARE PER IL DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO AI COMUNI PREMESSA I   recenti   rivolgimenti   politici,   la   crisi   in   cui   è   entrato   il   pregresso   modo   di   amministrare,   gli   sperperi,   le   sottrazioni   e   le   distrazioni   di pubbliche   risorse   che   si   sono   rese   evidenti   in   tutta   la   loro   gravità   e   sistematicità   tanto   da   essere   divenuti   una   costante   per   funzionari   di ogni   ordine   e   grado;   l'enormità   del   debito   pubblico   e   del   disavanzo   cui   fanno   riscontro   servizi   di   infima   qualità   e   ad   alto   costo,   pur   in costanza   di   una   ormai   insostenibile   pressione   fiscale;   pessimo   funzionamento   della   pubblica   amministrazione;   redistribuzione   delle risorse   operata   non   in   base   al   principio   di   solidarietà   e   di   ordinato   ed   equilibrato   sviluppo,   ma   funzionale   ad   interessi   sia   di   parte   che   di questo   o   quel   potentato   politico   ed   economico;   la   gravissima   crisi   economica   che   ha   posto   in   evidenza   una   sostanziale   incapacità   del sistema   di   intervenire   opportunamente   nelle   diverse   realtà   del   territorio,   inducono   a   riesaminare   o   ripensare   l'intero   sistema   del prelievo fiscale e della ridistribuzione ed  impiego delle risorse. Ciò   anche   in   funzione   del   fatto   che   la   ormai   irreversibile   spinta   ad   un   sempre   più   incisivo   decentramento   amministrativo   fa   degli   enti locali   e   territoriali   i   centri   cui   viene   delegata   la   funzione   di   interpretare,   guidare   e   soddisfare   le   esigenze   di   vita   e   di   sviluppo   delle collettività che, a loro volta, hanno il diritto-dovere di verificare il modo in cui la ricchezza prelevata viene impiegata e ridistribuita. Naturalmente   non   si   pone   in   discussione   il   principio   che   al   Governo   centrale   permanga   il   ruolo   di   coordinare   ed   indirizzare   la   politica economica   e   sociale   nazionale   e   di   organizzare   e   gestire   i      settori,   servizi   ed   ambiti   di   carattere   e   portata   generale;   si   contesta   invece   il principio   che   il   sistema   centrale   possa   gestire   direttamente   l'intera   ricchezza   nazionale,   relegando   gli   enti   locali   e   territoriali,   che   sono   e restano   la   prima   ed   immediata   espressione   delle   comunità   ed   interpreti   delle   loro   esigenze,   ad   una   funzione   del   tutto   subalterna   e marginale. PROPOSTA SUM LA PETIZIONE
Soluzioni e Progetti
Associazione SUM Stati/Popoli Uniti del Mondo
Associazione S.U.M. - Stati/Popoli Uniti del Mondo - Casella Postale n° 4 - 73024  Maglie  (Le) -Tel. e fax 0836/484851